Riferimenti normativi ed operativi per la sicurezza aerea (SECURITY)

Il numero di citazioni minime delle normative internazionali, europee e nazionali in merito alla sicurezza del trasporto aereo è direttamente proporzionale all’importanza dell’argomento stesso.

I principi essenziali furono stabiliti durante le assemblee internazionali per l’aviazione civile che sono passate alla storia con la stesura delle Convenzioni di Chicago del 1944, di Tokyo del 1963, de L’Aja del 1970, di Montreal del 1971 e del Protocollo del 1988.
Convenzioni trasp.aereo

L’attuale situazione normativa internazionale è stata definita dalle Organizzazioni direttamente coinvolte che hanno prodotto documenti di dettagliate misure pratiche da adottarsi a cui tutti gli Stati si sono sistematicamente adeguati.

Nello specifico della “security”, il principale protagonista è l‘ICAO (International Civil Aviation Organization) che ha imposto agli Stati innanzitutto di collaborare in materia di sicurezza, di predisporre un Programma di Sicurezza, adottare misure di prevenzione contro gli atti illeciti, stabilire controlli sui passeggeri, equipaggi, bagagli, merce e posta, disciplinare gli accessi e la circolazione in ambito aeroportuale e definire come gestire le situazioni di emergenza.
Norme int.sicurezza aerea

In ambito europeo, i vettori aerei sono direttamente sottoposti alle normative delle JAA (Joint Aviation Authorities) che con proprie normative controlla standard e procedure di sicurezza per tutti gli Stati comunitari membri.

Per tutti, comunque, la Commissione Europea ha imposto obblighi in materia attraverso i Regolamenti che hanno valore di legge negli Stati membri.

Il Regolamento CE 2320/2002 del Parlamento e del Consiglio è stato un importante riferimento per tutti gli operatori, poi abrogato dal Regolamento CE 300/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio.

Dal 29 aprile 2010 è in vigore il Regolamento CE 185/2010 e s.m.i. della Commissione Europea che stabilisce disposizioni particolareggiate per l’attuazione delle norme fondamentali comuni sulla sicurezza dell’aviazione civile.
Norme UE sicurezza aerea

Reg. UE sicurezza aerea

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile è l’unica Autorità di regolazione tecnica, certificazione, vigilanza e controllo nel settore dell’aviazione civile in Italia ed è stato istituita il 25 luglio 1997 con Decreto Legislativo n. 250/97.

In Italia il controllo della sicurezza, nelle accezioni di safety e di security, in applicazione delle normative internazionali, secondo mandato istituzionale è di competenza di ENAC. Per safety si intende la sicurezza dal punto di vista di progettazione, costruzione, manutenzione ed esercizio degli aeromobili, oltre al riconoscimento d’idoneità degli operatori aerei e del personale di volo. Il termine security, invece, si riferisce alla sicurezza a terra ed a bordo degli aeromobili, all’interno ed all’esterno degli aeroporti per la prevenzione degli atti illeciti.

Di primario riferimento per lo scenario normativo nazionale sono il Codice della Navigazione, il Programma Nazionale di Sicurezza e le circolari ENAC.
Norme naz.sicurezza aerea